Consenso all'uso dei cookies

Perchè passare a Linux
Forum Majorana Informatica Benvenuti

Forum Majorana Informatica Videoguide Uso

Guida Pratica - Come passare al Software Libero, Open Source e Free, senza traumi per aziende e privati

Utilità web gratuite ordinate per categoria

Corso facile di informatica gratuito
Ubuntu Primi Passi - Videoguide italiane

Ubuntu Tweak per Configurare facilmente PDF Stampa E-mail
sabato 09 ottobre 2010

Ubuntu Tweak per Configurare facilmente Guida completa ad Ubuntu Tweak, con 19 video tutorials in italiano. Ubutnu Tweak è un software formidabile che permette, con estrema facilità, di configurare Ubuntu a piacimento. Quello che potevano fare solo gli esperti, adesso è alla portata di tutti: pulire il sistema anche dai vecchi kernel, gestire i programmi di avvio, personalizzare il sistema, tanto altro ...

    Click  sull'immagine per ingrandirla



Questa guida è pubblicata anche dall'autore di Ubuntu Tweak:

Ubuntu Tweak Blog: Some great resources about Ubuntu Tweak



A - Installare Ubuntu Tweak

Sono convinto che Ubuntu Tweak sia una delle utilità da definire indispensabili, quindi, se non l'avete già, installatela immediatamente. Se utilizzate uno dei miei Ubuntu Plus Remix, potete passare al successivo punto B - Lanciare Ubutu Tweak, in quanto Ubuntu Tweak è già installato di serie. Se invece utilizzate Ubuntu ufficiale vi mostro due diversi modi con cui installare questa bellissima applicazione (consiglio il secondo metodo).

1 - Installazione con file .deb  - Si tratta di un metodo immediato ma che non aggiorna automaticamente l'applicazione. Andate nella Home di UbuntuTweak e fate click su Scarica adesso! Partirà il download dell'ultima versione disponibile. Fate doppio click sul file scaricato e completate il processo guidato d'installazione.

2 - Installazione con repository  - Si tratta del metodo che consiglio, in quanto aggiorna automaticamente l'applicazione. Aprite il terminale (Applicazioni / Accessori / Terminale). Basta copiare, uno alla volta, i sottostanti comandi ed incollarli nel terminale:

sudo add-apt-repository ppa:tualatrix/ppa

sudo apt-get update

sudo apt-get install ubuntu-tweak

dando invio da tastiera. Verrà chiesta la password (solo per il primo comando), digitatela con attenzione e per intero (anche se vi sembra che Ubuntu non la prenda). Poi poi date nuovamente invio da tastiera ed aspettate il completamento di ogni processo. Dopo avere dato i tre diversi comandi avrete finito.


Nota - Se vate installato una vecchia versione di Ubuntu Tweak, sarà bene disinstallarla prima dell'installazione della nuova versione. Dalla scrivania di Ubuntu, in alto a sinistra:

Sistema / Amministrazione / Gestore pacchetti (o Synaptic)

Nella casella di Ricerca veloce digitate ubuntu-tweak, non dovete fare click sull'icona Cerca. Infatti, in automatico, poco più in basso compariranno dei pacchetti, tra cui alcuni installati, che sono quelli col quadratino verde. Fate click col destro del mouse su ubuntu-tweak e scegliete l’opzione Rimuovi completamente. Dopo, fate click sull’icona Applica, a forma di spunta verde in alto a sinistra.  

 



B - Lanciare Ubutu Tweak

Dalla scrivania di Ubuntu, in alto a sinistra:

Applicazioni  / Strumenti di sistema / Ubutnu Tweak

Vi apparirà la schermata iniziale dell'applicazione sotto riportata:

Mascera iniziale di Ubutnu Tweak

Click  sull'immagine per ingrandirla

Nella parte sinistra trovate cinque sezioni ognuna della quale permette di effettuare diverse operazioni che analizzeremo, una per una nei punti successivi.






C - Utilizzare Ubutu Tweak 

 

____________________________________________________


1 - Applicazioni 

 
Centro applicazioni

Facendo click su Centro applicazioni (sotto la sezione Applicazione, vedasi precedente figura, punto 1), nella parte destra apparirà l'elenco dei programmi (pacchetti) disponibili, secondo i repositories (sorgenti) abilitati. Oltre all'elenco completo possiamo anche effettuare la ricerca per categorie. Ad esempio: Browser, Desktop, ....., Temi, Utility. Se ci interessa un programma, basta inserire la spunta, con un click del mouse, nel quadratino alla sua sinistra e confermare con Applica. Se vogliamo disinstallare un programma, basta togliere la spunta e confermare con Applica. Se vogliamo una maggiore quantità di programmi, basta seguire le indicazioni riportate al successivo punto Centro sorgenti, dove si trova anche la videoguida per l'installazione e disinstallazione del software..

 

Centro sorgenti

Ubuntu offre molte maniere per installare e disinstallare software (pacchetti): Installare disinstallare Programmi (pacchetti). La maniera più indicata è quella dei repositories, ossia delle liste contenenti indicazioni sui programmi (dove scaricare, descrizione, caratteristiche). Ubuntu è una distribuzione Linux basata su pacchetti (programmi) e tutti questi pacchetti sono raccolti in alcuni contenitori chiamati repository. Il repository evita la necessità di andare a pescare il software da mille siti differenti e costituisce una semplificazione per l’utente ed una comodità, sia per installare che per aggiornare i programmi. Tenere il sistema sempre aggiornato è il primo passo per avere un computer protetto e i repositories consentono di aggiornare, con un semplice click, anche i programmi installati e non solo i componenti del sistema. Sono disponibili sia i repositories ufficiali, quanto quelli non ufficiali. Quelli non ufficiali permettono di ottenere software più aggiornato e/o mancante nei repositories ufficiali. Ubuntu gestisce i repositories grazie a Sorgenti software. E’ possibile raggiungere l'applicazione  da Sistema / Amministrazione / Sorgenti software. Ma, Ubuntu Tweak ci offre la possibilità di inserire nuovi repositories in maniera semplicissima.

Facendo click su Centro sorgenti (sotto la sezione Applicazione, vedasi precedente figura, punto 1), nella parte destra apparirà l'elenco dei sorgenti (repositories) disponibili. Oltre all'elenco completo possiamo anche effettuare la ricerca per categorie. Ad esempio: Browser, Desktop, ....., Temi, Utility. Se ci interessa un repository, basta inserire la spunta, con un click del mouse, nel quadratino alla sua sinistra e fare click su Aggiorna, per caricare l'elenco dei programmi in esso disponibili. Se vogliamo disabilitare un repository, basta togliere la spunta e fare click su Aggiorna. Facendo click su Sincronizza, aggiorneremo i repositories e quindi l'elenco dei programmi. Dopo avere aggiunto nuovi repositories, tornando a  Centro applicazioni, troveremo un maggiore numero di programmi disponibili. La videoguida che segue, mostra come utilizzare il Centro applicazioni ed il Centro sorgenti:

    Video guida

 

Editor sorgenti

Con questa opzione possiamo modificare, direttamente e senza aprirlo, il file sources.list che contiene l’elenco dei repositories presenti nel nostro sistema operativo. Per modificare tale file, senza Ubuntu Tweak, dovremmo aprilo, da Terminale, tramite il comando:

sudo gedit /etc/apt/sources.list

Nella videoguida, riportata al seguente punto (Gestore aggiornamenti), vedremo anche il parallelo tra la lista dei sorgenti ed i repositories di terze parti che troviamo in:

Sistema / Amministrazione / Sorgenti software / Altro software

La videoguida, mostrerà, anche, il significato delle righe “commento” e delle "righe vuote", oltre la diversità tra i repositories deb e quelli deb-src.

Se avete qualche dubbio, non utilizzate questa opzione.

 

Gestore aggiornamenti

Ci permette, come peraltro fa già bene Ubuntu, di aggiornare l’intero sistema ed il software installato per il tramite dei repositories. Però, con Ubuntu Tweak, possiamo esclusione con estrema semplicità, gli aggiornamenti per il software installato tramite repositories di terze parti e possiamo anche escludere gli Aggiornamenti automatici. Vedremo ancora come sia possibile effettuare l’aggiornamento solo per uno o più programmi. La videoguida che segue tratta sia l’Editor di sorgenti che il Gestore aggiornamenti:

    Video guida

 

Pulitore pacchetti

Grazie a questa procedura riusciremo a dare una bella ripulita ad Ubuntu. Con la nuova versione 0.5.5 di Ubuntu Tweak, sono previsti cinque tipi di pulizia:

a) - Pulisci pacchetti -  Si tratta dei pacchetti scaricati durante l’installazione del software. Una volta installato il software possiamo fare a meno di essi e cancellarli recuperando spazio.

b) - Pulisci cache -  Operazioni simile  alla precedente che ripulisce i pacchetti dalla cache (magazzino temporaneo), recuperando spazio.

c) - Pulisci configurazione  - Vengono cancellati tutti i file di configurazione relativi ad applicazioni cancellate o obsolete.

d) - Pulisci kernel -  Il kernel è il cuore del sistema operativo. Se durante gli aggiornamenti viene installata una nuova versione del kernel, Ubuntu non cancella la precedente versione, anzi consente (da Grub) di poterla utilizzare in caso di problemi dovuti al nuovo kernel. Se siamo certi, dopo un certo periodo di utilizzazione, che il nuovo kernel non da problemi, allora possiamo cancellare le precedenti versioni del kernel, rendendo la schermata iniziale di Grub più pulita (meno righe). Ovviamente, con la cancellazione, recupereremo spazio su disco.

e) – Purge PPAs -  Questa opzione disattiva (senza cancellarli) i repositories PPA, cioè quelli di Launchpad. Conviene eliminare solo quelli relative a programmi che non utilizziamo più, o quelli di programmi sperimentali (versioni beta) che intendiamo riportare alla versione stabile (magari in versione precedente) offerta dai repositories di Ubuntu. Se, ad esempio, eliminiamo quella relativa a Ubuntu Tweak, lo stesso non verrà più aggiornato con gli aggiornamenti di Ubuntu, quindi non conviene eliminarlo. In ogni caso, la pulizia di Ubuntu Tweak, non elimina i repository ma, semplicemente, li  disattiva, quindi, possiamo sempre ripristinarli inserendo la spunta su di essi, nella finestra:

Sistema / Amministrazione / Sorgenti software / Altro software

La seguente videoguida mostra le cinque operazioni di pulizia consentite da Ubuntu Tweak:

    Video guida


____________________________________________________

 

2 - Avvio

 
Controllo di sessione

Ci offre diverse possibilità di controllo relative alla nostra sessione di lavoro. Possiamo, ad esempio, salvare le applicazioni (programmi) che sono ancora aperte all’uscita della sessione (riavvio, uscita, cambio utente, ecc..)  in modo da averle nuovamente aperte automaticamente, al successivo riavvio di Ubuntu (stesso utente). Possiamo, pure, abilitare la connessione remota. Ma è interessante la possibilità di non fare comparire la finestra di conferma che appare quando chiudiamo o riavviamo o terminiamo una sessione di Ubuntu.  Basterà inserire una spunta in Eliminare il dialogo di conferma per le azioni di termina sessione, riavvio e arresto. Il procedimento viene mostrato nella parte iniziale della videoguida successiva.


Impostazioni accesso

Ci viene offerta la possibilità di cambiare le impostazioni operative e grafiche della schermata di acceso di Ubuntu, cioè quella in cui facciamo il login, ossia indichiamo l’utente e digitiamo la password per avviare Ubuntu. Possiamo fare in modo che non vengano visualizzati i nomi dei diversi utenti (maggiore sicurezza). Possiamo attivare o disattivare il suono. Possiamo disabilitare la visualizzazione dei pulsanti di riavvio. Per la parte grafica possiamo  cambiare il logo e lo sfondo della schermata. Il procedimento viene mostrato nella parte centrale della videoguida successiva.

 

Programmi eseguiti all'avvio
 
All’avvio di Ubuntu vengono caricati, automaticamente diversi programmi. Noi possiamo modificare la lista di questi programmi, ossia, possiamo disabilitarne, eliminare o aggiungerne a piacimento. Per disabilitare un programma basta togliere la spunta dal quadratino alla sua sinistra. Ovviamente lo possiamo abilitare, nuovamente ed in qualsiasi momento rimettendo la spunta. Ad esempio, se non abbiamo problemi di vista possiamo disabilitare o eliminare (Rimuovi) dalla lista: Assistenza visiva. Magari usiamo sempre OpenOffice, ed allora possiamo aggiungerlo in modo da averlo aperto all’avvio di Ubuntu. Nella terza parte della seguente videoguida viene mostrato come fare:



Per sapere come trovare il comando da utilizzare per avviare un programma, vi rimando alla pagina:

____________________________________________________

 

3 - Scrivania

 
Impostazioni Compiz

Ci permette di ottenere diversi effetti grafici in modo semplice e veloce. Se non avete installato il Gestore configurazione CompizConfig, necessario per ottenete gli effetti, ve lo installerà con un semplice click del mouse. Ovviamente per ottenere gli effetti dovete installare i driver della scheda video. Ecco come:

    Video guida


Se non trovate i driver, dico che vi sono diverse schede grafiche supportate direttamente da Ubuntu (specialmente la versione a 64 bit)  che permettono la visualizzazione degli effetti. In caso non otterrete gli effetti.

Tornado ad ubuntu Tweak, possiamo ottenere:

- Le finestre tremolanti con un piacevole effetto di deformazione durante il loro trascinamento.
 
- I menù trasparenti che abilitano una semitrasparenza in grado di fare intravedere quanto sotto ad essi presente

- L’installazione del Gestore configurazione CompizConfig semplice che consente di impostare gli effetti Compiz in maniera facilitata.

- L’installazione di Screenlets con cui possiamo inserire diversi oggetti (widget) nella scrivania (orologi, calendari, calcolatrice, e tanto alto ancora).

Troviamo pure la miniatura della scrivania con quattro tasti agli angoli. Con essi possiamo inserire degli effetti che si attivano spostando il puntatore verso il rispettivo angolo della scrivania. Possiamo scegliere, per ogni angolo, uno dei cinque effetti:

Mostrare scrivania - Ripone ad icona tutte le finestre aperte e mostra la sola scrivania senza neppure gli oggetti inseriti da Screenlets.

Mostrare i widdget
- Visualizza tutte le finestre aperte ed anche quelle ridotte ad icona in una specie di giostra (mlto gradevole) che ruota con le frecce da tastiera. Con Invio da tastiera (o con un click del mouse) viene portata in primo piano la finestra frontale.
 
Mostrare finestre - Offre la visione delle sole finestre aperte (non quelle ad icona) ordinate in miniature nella Scrivania. Basta un click su una di esse per averla in primo piano.

Mostrare spazi di lavoro - Propone le aree di lavoro tutte insieme. Possibilità di spostare le finestre nelle varie zone. Un doppio click su una zona la porta in primo piano. Comodo e piacevole.

  Si tratta di un trattino e significa nessun effetto. Lo sceglieremo per disattivare l’effetto d’angolo.

In definitiva, possiamo ottenere, con con molta semplicità, alcuni (i più utilizzati) dei tanti effetti offerti da Compiz. La seguente videoguida mostra quanto prima descritto:

    Video guida

 

Impostazioni GNOME
 
Con questa opzione possiamo settare, a piacimento, molte caratteristiche dei pannelli, dei menù, del salva-schermo e della cronologia. Le indicazioni sono chiare e non servono ulteriori approfondimenti. Un suggerimento potrebbe essere quello di abilitare, inserendo la spunta con un click de mouse, l’opzione: Mostrare le icone sui pulsanti. Per fare un esempio, nella finestra di Ubuntu Tweak, in basso a destra trovate i due pulsanti Preferenze ed Esci. Se spuntate l’opzione, oltre alla scritta avrete anche le rispettive icone grafiche. La videoguida, riportata al seguente punto, nella sua parte finale, mostra le opzioni di Impostazioni GNOME.
 

Impostazioni del gestore di finestre

Con Ubuntu 10.04 quasi tutti i temi (ad eccezione dei tema New Wave), presentano i pulsanti delle finestre a sinistra in stile MAC. Questo non piace a molti utenti che preferiscono i pulsanti nella classica posizione di destra. Per ottenere tanto, dopo avere fatto click su Impostazioni del gestore di finestre, basta andare nella zona di destra, togliere la spunta da Personalizza ed inserirla nell'opzione: Destra. Volendo possiamo anche aggiungere pulsanti e cambiare la loro posizione reciproca. Sempre in quest'area, sarà possibile, anche, impostare le azioni che si otterranno facendo click sulla barra della finestra (barra del titolo). In ultimo ci viene offerta la possibilità di attivare alcuni effetti di decorazione delle finestre, grazie a Metacicty che è un window manager, cioè  un programma che gestisce l'aspetto e la posizione delle finestre. In relazione all'opzione composizione di Metacity si fa notare che essa non è compatibile con Compiz (effetti grafici), quindi ne sarà richiesta la disabilitazione. La videoguida, seguente mostra come procedere:

    Video guida

 

Impostazioni delle icone della scrivania

Ubuntu mostra la Scrivania senza icone. Lo stesso cestino è inserito nella barra in basso, con una piccola icona. Se vogliamo avere le icone più utilizzate, in bella vista sul Desktop (Scrivania), con Ubuntu Tweak, dalla sezione Scrivania, basta fare click su Impostazioni delle icone della scrivania e nella parte destra ci viene offerta la possibilità di aggiungere (basta inserire una spunta), una o più icone, ossia: Computer, Cartella Home, Cestino. Volendo possiamo anche rinominarle (cambiare il loro nome). Inoltre possiamo aggiungere l’icona Rete e, volendo, disabilitare la visualizzazione dei volumi montati (quando si inserisce un CD, un DVD, una chiavetta USB, ecc… , Ubuntu li monta e ne mostra la relativa icona sulla Scrivania). Consiglio di non disabilitare quest’opzione. In ultimo possiamo anche avere l’intero contenuto della Cartella home nella scrivania (lo sconsiglio per evitare confusione). La videoguida, che segue mostra come procedere:

    Video guida


____________________________________________________


4 - Personale

 
Comandi di scorciatoia

I comandi scorciatoia,  ci offrono la possibilità di lanciare un programma (applicazione) con una semplice combinazione di tasti. Può risultare utile nel caso di programmi frequentemente aperti o utilizzati. Basta inserire il comando corrispondente al programma e la combinazione di tasti che vogliamo utilizzare per lanciarlo. In qualsiasi momento possiamo cambiare o annullare i comandi scorciatoia. Nella seguente videoguida viene mostrato come fare:



Per sapere come trovare il comando da utilizzare per avviare un programma, vi rimando alla pagina:

 

Gestisci gli script
 
Quest’area di Ubuntu Tweak è dedicata agli script. Si tratta di azioni che è possibile effettuare sui file, grazie al menù contestuale (quello che si apre col click destro del mouse). In pratica possiamo aggiungere al menù contestuale delle azioni molto utili, quali convertire il formato di una immagine, spostare un file, creare un lanciatore,  copiare sulla scrivania, ecc… Troviamo 23 script già pronti, ma in rete se trovano molti altri, basta cercare con una frase del tipo: script nautilus. Per abilitare gli script basta trascinarli, col mouse, dalla zona Script disabilitati (destra) alla zona Script abilitati (sinistra). La seguente videoguida mostra, quale esempio, come trasformare una immagine aggiungendo l’ombreggiatura:
 
 

 
Gestisci modelli

Si tratta di un’area molto simile alla precedente ma che tratta i modelli e non gli script. Si tratta di Modelli di documenti con i quali è possibile creare dei corrispondenti file documenti vuoti, grazie al menù contestuale (quello che si apre col click destro del mouse). Possiamo aggiungere al menù contestuale dei Modelli di documenti frequentemente utilizzati. Troviamo 9 modelli  già pronti e relativi a documenti vuoti di database, foglio elettronico, video scrittura, testo semplice, HTML, ecc… -  Per abilitare i Modelli basta trascinarli, col mouse, dalla zona Modelli disabilitati (destra) alla zona Modelli abilitati (sinistra). La seguente videoguida mostra come procedere:

 
 

Posizioni predefinite cartelle

Ubuntu ha delle Cartelle Predefinite Speciali (Scrivania, Documenti, Musica, Immagini, Scaricati, ecc..) che troviamo all’interno della Cartella home. Ubuntu Tweak, con l'opzione in trattazione, ci permette di cambiare loro posizione e nome, in maniera semplice ed immediata. La seguente videoguida mostra come procedere, con un esempio relativo alla cartella Scaricati:

 

____________________________________________________

 

5 - Sistema

 
Dettagli computer

Per i motivi più svariati, possiamo avere bisogno di ottenere notizie sulle caratteristiche del computer, quali CPU e RAM, oppure sulle caratteristiche del Sistema Operativo installato, quali  versione di Ubuntu, versione del Kernel, tipo della Piattaforma (32 bit o 64 bit), ecc…  Ubuntu Tweak, con un semplice click in Sistema / Dettagli computer, ci fornisce tutte le informazioni citate.  La seguente videoguida mostra come fare:

 

Gestione avanzata alimentazione

Soprattutto per computer con alimentazione a batteria, può essere utile ridurre i consumi per aumentare la durata dell’autonomia. Ubuntu Tweak ci offre la possibilità di intervenire su diversi parametri  relativi al blocco dello schermo ed alla regolazione della luminosità. La precedente videoguida, nella parte finale, ci mostra quanto detto.
 
 

Gestione tipi di file

Facendo doppio click su un file MP3, Ubuntu lo esegue con l’applicazione predefinita che è il Lettore multimediale. Lo stesso avviene per ogni altro tipo di file che ha un’applicazione predefinita ad esso associata. Grazie ad Ubuntu Tweak possiamo cambiare l’applicazione predefinita associata ad un tipo di file. Ad esempio possiamo fare in modo che un file MP3 venga eseguito col Player VLC (o altro disponibile a nostra scelta). Lo stesso vale anche per i file video, immagini, testo, ecc… - La videoguida che segue mostra come fare, proponendo un esempio relativo ai file MP3:

 

Impostazioni Nautilus

Nautilus è il gestore dei file di Ubuntu, in pratica il corrispondente di Esplora Risorse di Windows. Da Ubuntu Tweak, nella sezione Sistema, facendo click su Impostazioni Nautilus, nella parte a destra, possiamo personalizzare alcuni aspetti del gestore dei file.

- Permessi Avanzati - Inserendo la spunta nel quadratino ci verranno mostrati i permessi dei file in maniera più dettagliata. Se non si conosce bene il funzionamento dei permessi sconsiglio di manipolarli. La successiva videoguida (nella prima parte) mostra come viene proposta, in maniera più efficace, la gestione dei permessi.

-  Impostazioni miniatura - Esplorando le cartelle, se abbiamo delle immagini e Nautilus è impostato per visualizzare le anteprime (Vista a icone), vedremo delle miniature delle immagini presenti. Nautilus ci permette anche di ingrandire tutti gli elementi presenti, ma se vogliamo ingrandire solo le immagine (e non le cartelle), allora Ubuntu Tewak ci viene in aiuto. Basta impostare il valore (in pixel) della dimensione predefinita della miniatura. Possiamo anche impostare la dimensione e la durata della cache. La cache, nel nostro caso, è una cartella che contiene le miniature delle immagini. Pensate a delle immagini di grande dimensioni, per aprirle ci vorrebbe del tempo, invece se si dispone di miniature, la loro visualizzazione è più veloce. La seguente videoguida (nella seconda parte) mostra quanto detto sulle miniature:

 
 

-  Apri cartella nel terminale - Quando si lancia il terminale di Ubuntu (Applicazioni / Accessori / Terminale), lo stesso si apre all'interno Cartella home. Per entrare (col terminale) in altra cartella (magari contenente  un’applicazione che vogliamo eseguire nel terminale) dobbiamo usare il comando cd percorso/nomecartella.  Se la cartella che voliamo raggiungere si trova in un percorso che contiene molte altre cartelle (magari con nomi lunghi o complicati), allora raggiungerla (col terminale) può essere non agevole. La possibilità che ci offre Ubuntu Tweak, in questi casi, è provvidenziale. Infatti, posizionandosi sulla cartella e facendo click col destro su di essa, nel menù contestuale che si apre possiamo fare click sulla voce Apri nella cartella. Si aprirà immediatamente il Terminale proprio  all’interno della cartella selezionata.  Per avere questa voce nel menù contestuale serve, semplicemente, inserire una spunta nell’opzione Apri cartella nel terminale. che troviamo in Ubuntu Tweak. Affinché la voce del menù contestuale sia visibile, potrebbe essere necessario riavviare il computer dopo avere inserito la spunta nell’opzione (oppure aprire il Terminale e dare il comando: nautilus -q ).  La videoguida che segue mostra come procedere e propone, anche, degli esempi di utilizzazione del terminale:  



-  Apri cartella con privilegi di superutente - Inserendo una spunta nel quadratino relativo a questa opzione, ci viene fornita la possibilità di potere aprire una cartella con i privilegi di Superutente. Significa che per tutto il contenuto delle stessa cartella siamo in grado di cambiare i permessi di un qualsiasi file, potendolo anche modificare o cancellare. Questa possibilità era prima negata in particolare per i contenuti del Filesystem (zona riservata a tutti i file di sistema di Ubuntu). Si tratta di una grande opportunità che va usata, però, con molta cautela. Infatti, stiamo forzando la sicurezza di Ubuntu. Questa opzione può essere di grande aiuto per effettuare modifiche e personalizzazioni che prima non potevamo fare, ma, se non sappiamo bene cosa stiamo facendo, è meglio non utilizzarla in quanto abbiamo abbattuto le barriere protettive del sistema operativo. In definitiva, per ottenere i privilegi di superutente, basta fare click col destro su una  cartella e scegliere l'opzione Apri come amministratore. Se non troviamo tale opzione, dopo avere inserito la spunta in Ubuntu Tweak, potrebbe essere necessario riavviare il computer (oppure aprire il Terminale e dare il comando: nautilus -q ). La videoguida che segue mostra come procedere:

    Video guida

 

-  Nautilus con sfondo - Inserendo una spunta nel quadratino relativo a questa opzione, ci viene fornita la possibilità di settare qualsiasi immagine quale sfondo della Scrivania. Basta fare click col destro su una  qualsiasi immagine  e dal menù contestuale che si apre, scegliere l’opzione Set as Wallpaper. A questo punto  lo sfondo della Scrivania di Ubuntu sarà costituito dall’immagine da noi scelta. Se non troviamo tale opzione, dopo avere inserito la spunta in Ubuntu Tweak, potrebbe essere necessario riavviare il computer (oppure aprire il Terminale e dare il comando: nautilus -q ). La videoguida che segue mostra come procedere:

    Video guida

 

 
Relativi alla sicurezza
 
In questa sezione possiamo disabilitare diverse funzioni di Ubuntu aumentando la blindatura del sistema operativo. Con una semplice spunta, possiamo inibire, la finestra “Esegui Applicazione”, il blocco dello schermo, la stampante o le sue impostazioni, il salvataggio dei file, il cambio utente, ecc… Vedremo pure le preferenze generali di Ubuntu Tweak. La videoguida che segue, che è l’ultima della serie dedicata ad Ubutu Tweak, mostra ogni cosa:

    Video guida

 



 

Aiutami a diffondere questa notizia

OK
Notizie -VOTOVai in questa pagina di Virgilio Notizie e fai click su OK, per dare il tuo voto. I voti servono  per portare la notizia nella Home e quindi farla conoscere meglio. Non costa nulla e non serve registrazione, SOLO UN CLIK - Grazie



Ultimo aggiornamento ( domenica 07 giugno 2015 )
 

Ubuntu 14.04 Italiano Plus - Remix - 3D