Consenso all'uso dei cookies

Perchè passare a Linux
Forum Majorana Informatica Benvenuti

Forum Majorana Informatica Videoguide Uso

Guida Pratica - Come passare al Software Libero, Open Source e Free, senza traumi per aziende e privati

Utilità web gratuite ordinate per categoria

Corso facile di informatica gratuito
Ubuntu Primi Passi - Videoguide italiane

Ubuntu non si avvia come recuperare i file PDF Stampa E-mail
sabato 14 agosto 2010

 FAQs Ubuntu


Ubuntu non parte più, è possibile recuperare i file personali?



 Domanda 

Al riavvio del computer Ubuntu non vuole più saperne di avviarsi. Dentro avevo un sacco dei file personali ed importanti di cui, purtroppo, non avevo creato una copia di sicurezza. Esiste un modo per poterli recuperare? …

 

Risposta

Se non hai danneggiato (fisicamente) il disco rigido e non hai eliminato la partizione contenente i tuoi file personali, puoi tranquillamente recuperarli, normalmente, senza problemi. Di seguito mostro diversi metodi per farlo ...

 


 

Il problema

Questa guida non riguarda i file cancellati accidentalmente o giacenti in una partizione formattata (di questi mi occuperò in altra guida). Adesso faremo riferimento a file contenuti in partizioni che non sono più accessibili a causa del sistema operativo che, per qualche motivo (abbassamento di tensione, danneggiamento di file di sistema, ecc..), non è più avviabile. Vediamo allora di procedere con ordine e criterio, iniziando col tentare il recupero del sistema operativo. Se impossibile, recupereremo i file che ci interessano, per poi reinstallare Ubuntu. 


 

Cercare di avviare il sistema operativo per recuperarlo

 

Modalità ripristino (recovery mode)

Avviando il computer, dopo il caricamento del Bios (prima schermata) otterrete il menù di Grub. Se avete solo Ubuntu installato, allora tale menù potrebbe non apparire. In questo caso, dopo la prima schermata premete il tasto Esc (tastiera: in alto a sinistra). Dovrebbe apparire  il menù di Grub:

Grub menù iniziale

File manager a43 in BartPE

Click  sull'immagine per ingrandirla

Nell’immagine sopra un esempio di Grub con installato Ubuntu  7.10. Con le freccette della tastiera portatevi alla riga che finisce con .. (modalità ripristino) se in italiano o con  … (recovery mode) se in inglese.  Nella figura è la riga evidenziata in chiaro.

A questo punto, nello schermo vedrete scorrere diverse righe di testo e poco dopo apparirà  il Menù di Ripristino come nella seguente figura:

Ubuntu Menù di Rispristino

Ubuntu Menù di Rispristino

Click  sull'immagine per ingrandirla

Vediamo il significato delle varie Opzioni: 

  resume = Ripristina l’avvio normale – Significa che Ubuntu sarà riavviato normalmente; chiede il nome e la password.

  clean = Prova a liberare spazio – Ubuntu cercherà di eliminare dei file non necessari; utile in caso di problemi di spazio.

  dpgk = Ripara i pacchetti danneggiati – Ubuntu cercherà di riparare i programmi che hanno problemi.

  failsafeX = Avvia in modalità grafica di emergenza – Ubuntu si avvierà con grafica a bassa risoluzione; si risolvono eventuali problemi imputabili ai driver della scheda grafica.

  grub = Aggiorna il boot loader grub – Ubuntu aggiorna Grub che è il programmin che avvia i sistemi operativi.

  neetrootPassa ad una shell con privilegi di root con rete – Si ha la possibilità di inserire comandi (tipo Terminale), con privilegi di Amministratore e con il collegamento alla rete.

  rootPassa ad una shell con privilegi di root - Si ha la possibilità di inserire comandi (tipo Terminale), con privilegi di Amministratore ma senza il collegamento alla rete.

In pratica potete provare con le opzioni clean, dpgk, failsafeX e grub. Le ultime due opzioni richiedono una certa conoscenza dei comandi.

Se questo metodo si dimostrasse infruttuoso, procedete col successivo.
 


Avvio in caso di problemi col Boot Manager

Problemi di Avvio per Windows o UbuntuLa scorretta disinstallazione di un Sistema Operativo, la manipolazione delle partizioni, un abbassamento di tensione e altri motivi ancora, possono causare la compromissione del Boot Manager, con la conseguenza che il computer non si avvia più. Vedremo come, con semplicità, possiamo risolvere il problema senza reinstallare il Sistema Operativo:

Problemi di Avvio per Windows o Ubuntu

Se non si riesce ad avviare il sistema operativo, con nessuno dei precedenti metodi,  non ci resta che recuperare i file personali (punto successivo) per poi procedere alla reinstallazione di Ubuntu.

 



Recuperare i file personali

Per recuperare i file personali è possibile utilizzare un Sistema Operativo in modalità Live, ossia avviabile da CD-DVD senza bisogno di installare nulla. Ovviamente avete bisogno del CD o DVD che potete creare in altro computer (magari da un amico).

Ubuntu in Modalità Live

Ubuntu 10.04 Plus5 Remix Ita 3D Edu - ISO DVDSe avete bisogno di un Sistema Operativo avviabile da DVD, in italiano, con moltissimo software già installato, in grado di recuperare i file da qualsiasi partizione, pronto per la immediata navigazione in internet, facilissimo da utilizzare, da potere utilizzare anche in chiavetta USB e tanto altro ancora, allora non posso che orientarvi verso una delle mie Ubuntu Plus Remix che potete utilizzare qualunque sia il sistema operativo installato nel computer. Basta scaricare il relativo file ISO (immagine) e scriverlo in un DVD (masterizzare):

 Dopo avere avviato Ubuntu in modalità Live, potete utilizzare il file  manager Nautilus per copiare i file e salvarli in altra partizione, in chiavetta USB, CD, DVD, ecc.. 

File manager Nautilus in Ubuntu

File manager Nautilus in Ubuntu

Click  sull'immagine per ingrandirla

Come indicato nella figura il alto, grazie al file manager Nautilus, raggiungibile da Risorse (numero 1), sarà possibile individuare la partizione interessata  (zona 2), quindi copiare i file (zona 3) e salvarli in altra posizione (zona 4). In pratica, anche se in modalità Live, avrete a disposizione tutto quanto disponibile in un sistema operativo installato.   

Potete copiare anche le cartelle nascoste delle applicazioni che contengono dati particolari, ad esempio, per salvare i segnalibri di Firefox sarà bene copiare la cartella nascosta .mozilla.  Questa videoguida vi mostra come e dove trovarla:

    Video guida  

 

Stesso discorso vale anche per altre applicazioni che contengono dati (posta, a-mule, ecc...). Dopo la reinstallazione di Ubuntu basterà sostituire le cartelle con quelle salvate.

 


Ultimo aggiornamento ( domenica 07 giugno 2015 )
 

Ubuntu 14.04 Italiano Plus - Remix - 3D