Consenso all'uso dei cookies

Perchè passare a Linux
Forum Majorana Informatica Benvenuti

Forum Majorana Informatica Videoguide Uso

Guida Pratica - Come passare al Software Libero, Open Source e Free, senza traumi per aziende e privati

Utilità web gratuite ordinate per categoria

Corso facile di informatica gratuito
Ubuntu Primi Passi - Videoguide italiane

Come ti distruggo una scuola - Puntata 1 PDF Stampa E-mail
giovedì 05 giugno 2014

Come ti distruggo una scuola - Puntata 1Vi racconto un episodio accaduto in una scuola statale, roba che neppure il più ardito scrittore di fantascienza avrebbe potuto immaginare. Ma dove dobbiamo arrivare? Povera Italia e povera scuola italiana. Poi si chiedono perché la scuola va sempre peggio. Ma ci vuole tanto a capirlo? Mi raccomando, non ridete troppo, anche se ci sarebbe solo e solamente da piangere ...

Dire che c'era un tizio che si faceva bello chiamando fannulloni gli insegnanti, vorrei vederlo proprio al posto del protagonista di questa storiella.



L'antefatto

Ad inizio anno scolastico (1-10-2013) fui nominato responsabile dei vari laboratori informatici d'Istituto, consistenti in due aule informatiche con postazioni fisse ed una mobile con diverse decine di portatili.

Come ogni anno mi sono, subito, dato da fare per far funzionare tutto, anche macchine vetuste con hardware ormai storico (computer fissi con 512 MB di RAM e portatili con 1 GB di RAM). Ma grazie a Linux le cose hanno funzionato per il meglio. Ho pure fatto risparmiare un bel poco di soldi adottando un CAD professionale gratuito in sostituzione del più famoso e diffuso CAD (molto costoso per scuola ed alunni).

 

Il fatto

Alcuni giorni addietro sono stato chiamato in segretaria scolastica per la firma d'accettazione dell'incarico sopra citato che ha richiesto un anno di lavoro costante e molta competenza. 
 
Nella lettera d'incarico, leggevo una sfilza di adempimenti, ma proprio tanti che non entravano in un foglio, bisognava girarlo per leggere l'intera sequenza di incombenze, oneri ed obblighi. Peraltro, alcuni, di rilevante responsabilità, come il collaudo delle nuove tecnologie, con tanto di firma per l'assunzione delle responsabilità. Non sto ad elencare, ma propongo, direttamente la lettera d'incarico in entrambe le facciate:

 Fronte - click sull'immagine per ingrandirla

  Lettera d'icarico fronte

 

Retro - click sull'immagine per ingrandirla

Lettera d'icarico retro

Le risate sono scoppiate impetuose ed incontenibili appena ho letto il compenso relativo a cotanta marea di incombenze, ossia circa 40 (diconsi quaranta) euro nette per un anno di lavoro, ossia 4 ore (per l'intero anno) a 17,50 € lorde cadauna (che al netto si aggirano intorno a 10 euro l'ora).

Ho subito pensato ad uno scherzo goliardico. Invece era proprio vero. 

Ovviamente ho rifiutato dicendo che non si accetta l'elemosina, almeno non ancora.

 

Conclusioni

Non incolpo, specificatamente, nessuno, se non il sistema nel complesso e spero che questa pubblicazione serva ad evitare il ripetersi di accadimenti analoghi. Demotivare, anzi, mortificare la classe docente è cosa da non fare, altrimenti la scuola cadrebbe nel baratro profondo. Il titolo vuole essere del tutto provocatorio in quanto non sono per la distruzione della Scuola, ma, anzi, spero proprio, che tanto possa non accadere mai.
 
In ogni caso, reputo l'incarico, in trattazione, una umiliante mortificazione per il docente e per qualsiasi essere umano (ma credo anche per un animale). Se mi avessero chiesto di svolgere l'incarico gratuitamente, lo avrei fatto senza problemi, almeno l'onore e la dignità sarebbero stati salvi. 
 
Invece, il leggere quelle imperative imposizioni contrattuali, con la conclusione delle 4 ore mi ha fatto subito pensare: ma è fantasia o realtà?

Pensare che si parla tanto di incentivazione, di merito, di competenze, d'impegno. Alla faccia dell'incentivazione. Non parlo solo di soldi (scusate elemosina) ma anche di dignità.

Dire che, nella scuola, di soldi ne sprecano tanti per cose inutili (lo vedremo nelle puntate successive).

Mi chiedo: perché l'offerta del compenso è stata formulata dopo che l'incarico è stato svolto? Potevano dichiarare il compenso offerto ad inizio incarico come ogni contratto legittimo e non dopo un anno di lavoro svolto.

E' come presentarsi al ristorante (magari in quattro), ordinare pranzo di gran gala con l'aggiunta di champagne di prestigiosa marca e di ottima annata, oltre al caviale ed al resto. Poi alla fine, alzarsi e dare, in tutto, 50 centesimi, mancia compresa, dicendo che quello è per il conto. Credo proprio che il ristoratore vi metterebbe le mani addosso.

La comica finale è che mi hanno detto che cotanto incarico è stato, pure, oggetto di contrattazione! Ma ci volevano pure le rappresentanze sindacali per tale opera d'arte? Ma io che dovevo svolgere il lavoro sono meno importante dei sindacati? Forse che il lavoro dovevano svolgerlo loro?

Che dire, semplicemente stupefacente.  Magari mi verrebbe di consigliare loro, per la prossima volta, di inserire, tra gli obblighi contrattuali, anche la pulizia dei cessi e l'acquisto a spese dell'incaricato di nuovi computer.

Ovviamente sarebbe da consigliare anche una gara d'appalto o progetto concorso, data l'entità cospicua dell'importo (in pratica una pizza per due persone), magari potrebbero ottenere un ulteriore sconto.

Evviva la scuola. Lunga vita alla scuola. Ma cosa pretendono ancora? Oltre la beffa anche l'umiliazione.

Pensate che un docente con un minimo di competenze specifiche (ed anche senza) possa accettare mai un siffatto incarico? Quaranta euro per un anno di lavoro con tanto di responsabilità? Allora chi gestirà i laboratori? Forse si autogestiranno? Siamo già alle macchine intelligenti? Speriamo bene. Al solito chi pagherà saranno gli alunni. Lunga vita alla scuola. Evviva la scuola ... 

Ma non finisce qui, sono già pronte le successive puntate ancora più sconcertanti e dolorose. A presto con la seconda puntata ...

Come ti distruggo una scuola - prima puntata

I vostri commenti

Se volete commentare l'accaduto, basta andare nel Forum del Majorana, alla discussione:

Come ti distruggo una scuola - Puntata 1

 


 
Ultimo aggiornamento ( domenica 07 giugno 2015 )
 

Ubuntu 14.04 Italiano Plus - Remix - 3D