Realizzato dal Prof. Ing. Antonio Cantaro

Motivo n° 3 - Scordati dei virus nel computer

Dimenticati dei virus

Se il computer si spegne senza chiederlo, se appaiono strane finestre con testo incomprensibile, se si verificano altre diavolerie senza che tu lo chieda, se delle e-mail vengono inviate agli indirizzi della rubrica a tua insaputa, allora il tuo computer ha, probabilmente, contratto un virus o del "malware". Il motivo principale per cui accade sta nel fatto che usi Windows.
Linux difficilmente contrae dei virus. Certamente non è proprio impossibile prenderne uno. Ad ogni modo, Linux fa in modo che questo accada molto difficilmente. Di seguito elenchiamo alcuni motivi.

Moltissima gente usa Microsoft Windows e i malintenzionati vogliono creare quanti più danni (o controlli) possibili, quindi mirano a Windows. Molti virus ed infezioni varie, sono costituite da programmini eseguibili (exe) o ActiveX o similari che, all'interno di Windows, sono una grave minaccia, mentre in  Linux sono come l'acqua minerale in quanto non vengono neppure riconosciuti, restano dei file morti ed inutilizzabili.
Linux usa un controllo delle autorizzazioni intelligente, mentre, sotto Windows, tu ed ogni programma che installi, avete spesso i privilegi di fare quasi tutto all'interno del "sistema" (computer). Se vuoi andare nelle cartelle di "sistema" e cancellare qualsiasi cosa, Windows non avrà nulla in contrario. Ovviamente, al riavvio successivo, cominceranno i problemi. Ma stai sicuro che se tu puoi cancellare i file di sistema, anche altri programmi possono fare questo ed altro, sia che già siano annidati nel computer, sia che provengano dalla rete (internet). Linux non lo ammette, infatti, ogni volta che vuoi fare qualcosa che incide sul sistema, ti viene richiesta la password di amministratore. Se non sei "amministratore del sistema", non puoi farlo. I virus, quindi, non possono gironzolare e cancellare o modificare il sistema, infatti, non hanno l'autorizzazione (password) per farlo.
Molti occhi vedono cose che sfuggono ai pochi, tanto vale per le falle della sicurezza. Linux è software "open source" (codice sorgente aperto), il che vuol dire che qualunque programmatore al mondo (sono milioni) può dare uno sguardo all'interno dei programmi (codice sorgente: il modo con cui è scritto  ogni programma) e dare una mano a risolvere le falle o, semplicemente, dire agli altri sviluppatori della comunità: "Ehi, ma … bla… bla… bla…, non può rappresentare una falla di sicurezza?". Quanti programmatori pensi che abbia la Microsoft? Non certamente milioni.
Ci sono, almeno, 27 validi motivi per innamorarsi di Linux